6 ragioni per cui l’email marketing funziona meglio dei social media

Social media ed email marketing sono attualmente strumenti entrambi irrinunciabili per essere sul mercato e promuovere i propri prodotti o servizi.
Ma quale dei due deve essere preferito? Meglio i social o l’email marketing?

Per rispondere a questa domanda è necessario avere ben chiaro di cosa si sta parlando.
Un’attenta osservazione evidenzia infatti che gli scopi dell’uno e dell’altro sono piuttosto diversi tra loro.

I social media nascono per intrattenere e naturalmente utilizzano le sponsorizzazioni per ‘esistere’, un po’ come avviene per le televisioni, le radio e i giornali. Hanno l’obiettivo di parlare ad un pubblico e la loro principale forma di sostentamento è la pubblicità.

L’email marketing ha il dichiarato obiettivo di consentire alle aziende di inviare un contenuto tematico rivolto a persone precise, i cui nominativi sono inseriti nel database dell’azienda stessa.

Non bisogna però commettere l’errore di pensare che l’utilizzo di uno strumento escluda l’altro. Entrambi sono ormai elementi imprescindibili di qualunque strategia promozionale, ma è necessario comprendere in che misura utilizzare l’uno o l’altro.
In linea generale, sui social bisogna essere presenti e far sì che le proprie pagine abbiano un seguito sufficiente a dare il giusto prestigio al proprio brand; da un punto di vista del ROI, ossia del ritorno dell’investimento, la maggior efficacia si ottiene senza dubbio attraverso campagne di email marketing per almeno 6 ragioni.

1 – La predisposizione dell’utente alla lettura

Sui social si va per divertirsi. Anche in quegli spazi virtuali dove vengono postati molti tutorial, il tono delle informazioni proposte deve necessariamente essere leggero proprio perché chi naviga, in quel momento, vuole vivere un momento di svago.
Nella lettura di un email il livello di concentrazione è totalmente diverso. Chi la riceve sa che dovrà prestare maggiore attenzione se vorrà comprendere il contenuto del messaggio.

2 – La possibilità di monitorare un’utenza precisa

Anche se i social media consentono di analizzare dati statistici piuttosto fini, nell’email marketing è possibile monitorare il comportamento di ogni singolo utente. Dopo un invio destinato a un certo numero di persone si può sapere con esattezza chi ha aperto il messaggio e in che modo ha interagito con i contenuti. Se ad esempio era presente un link è possibile verificare se è stato aperto o meno, in quale fasce oraria ecc ecc..

3 – Un alto livello di profilazione e targettizzazione dell’utente

La qualità dei dati statistici offerti dall’email marketing consente di profilare ogni utente in maniera molto accurata.
Inoltre, si possono effettuare invii in maniera fortemente mirata, puntando a target specifici molto definiti.
Se ad esempio si vendono un prodotto e un suo successivo upgrade, è possibile inviare un messaggio promozionale dell’upgrade solo ai clienti che hanno già provveduto all’acquisto dell’articolo base.

4 – Comunicazione diretta e libera con il cliente

I post che vengono proposti sui social media nelle pagine istituzionali dei brand, spesso sono necessariamente generici e parlare alla massa.
Inoltre, proprio per mantenere la loro peculiarità di essere finalizzati allo svago e in linea con una certa idea di etica, i contenuti che vengono sponsorizzati devono seguire regole piuttosto restrittive.

In una comunicazione via mail invece è consentito scrivere in modo più esplicito e libero, potendosi tra l’altro rivolgere direttamente all’utente chiamandolo per nome.
Questo approccio diretto chiama in causa il destinatario e aumenta il suo livello di coinvolgimento nella lettura.

5 – Maggiore possibilità di offrire contenuti dedicati

In virtù di quanto detto in merito alla profilazione e alla possibilità di ‘chiamare per nome’ il destinatario di un messaggio, l’email marketing consente di preparare un invio che sia perfettamente tarato su chi riceverà la posta.
Si possono, ad esempio, dedicare contenuti agli abitanti di una determinata città, di una certa fascia di età o ancora a persone che hanno già acquistato o meno alcuni prodotti o servizi.
Per invogliare all’acquisto si possono ad esempio comunicare coupon e codici sconto personalizzati, per esempio in occasione di ricorrenze o festività.

6 – Economicità

Proprio per la sua efficacia, l’email marketing si rivela anche molto più economicamente efficiente della più generica sponsorizzazione sui social media. A parità di investimento si possono infatti ottenere ritorni maggiori e più facilmente verificabili.
L’implementazione stessa di un sistema di email marketing può essere fatta a costi contenuti scegliendo i servizi giusti.

Share:

Iscriviti alla Newsletter

Scopri il nuovo editor Infomail
integrato con Teriyaki AI

Crea i contenuti per le tue newsletter in pochi secondi!

Crea contenuti originali con pochi clic grazie all’intelligenza artificiale.
Oltre 50 lingue tra cui scegliere per i tuoi contenuti e le traduzioni.
Crea contenuti per le tue newsletter, per il tuo blog e per i tuoi social.

Nessuna carta di credito richiesta

1.000 invii / mese gratuiti

1.000 parole AI/mese

Nessuna carta di credito richiesta

1.000 invii gratuiti

5.000 parole AI