Come creare un database di email nel rispetto delle leggi

Creare  un database di email

Creare un database di email con Infomail è semplicissimo.
No, non si tratta di acquistare elenchi di indirizzi email ai quali inviare proposte commerciali: questa infatti, non solo è una pratica poco remunerativa, in quanto i ritorni sarebbero veramente molto bassi, ma soprattutto non è consentita dalla legge sulla Privacy.

Prima però di analizzare alcuni consigli riguardo alla costruzione delle liste di indirizzi email, è utile fare qualche riflessione generale sulla corretta impostazione della gestione di una email.

#1
Senza permesso non si invia niente.

L’invio di comunicazioni attraverso l’e-mail si fonda sul principio del permission marketing, ovvero sul consenso chiaramente espresso da parte del destinatario, a ricevere delle comunicazioni. Questa regola di base è stata ulteriormente rafforzata dalla entrata in vigore del GDPR nel 2018.
Il modo migliore per assicurarsi che ciò avvenga, è il cosiddetto metodo double-opt-in che consiste nell’inviare una e-mail in cui si richiede di confermare il consenso alla ricezione di materiale comunicativo, espresso in fase di registrazione ad un servizio, tramite il click su un link.
I vantaggi di questo metodo sono doppi: non solo si ottiene l’esplicito consenso da parte dell’utente (consenso che deve essere tracciato e registrato da chi eroga un servizio, come richieder esplicitamente il GDPR), ma ci garantisce che il destinatario sia realmente interessato a quanto viene proposto.

Se vi trovate ad una fiera, una conferenza, alla reception di un hotel, al banco di un negozio o ad un convegno, usando il form online potrete raccogliere nuovi contatti e creare il vostro database di indirizzi email nel pieno rispetto della normativa. Basterà far compilare i campi al vostro interlocutore e i dati forniti verranno automaticamente inseriti all’interno della lista di riferimento. Comodo, no?

#2
Conta la qualità, non la quantità degli indirizzi.

All’inizio della propria attività di e-mail marketing, molte aziende danno maggiore importanza alla quantità degli indirizzi email che riescono a reperire piuttosto che alla qualità dei contatti raccolti. Per avviare un’attività di e-mail marketing di successo è però essenziale creare un database composto da persone realmente interessate alle proprie offerte. Mille utenti incuriositi che ricevono, leggono e che soprattutto interagiscono, anche attraverso altri canali, con le email valgono di più di centomila utenti non profilati né interessati.

#3
Una chiara politica riguardo la privacy per creare un database di email.

Chi si iscrive ad una newsletter vuole sapere come saranno utilizzati i suoi dati personali. Allo scopo di conquistare la fiducia degli utenti è fondamentale inserire, nella pagina di registrazione alla propria newsletter, un link che rimandi ad una dettagliata informativa sulla privacy.

#4
Prepara il form d’iscrizione efficace con Infomail.

Come fare allora ad implementare il proprio database di email, gratuitamente, e nel rispetto della normativa in materia di trattamento dati personali per le iniziative di email marketing? Semplice, utilizzando il form di sottoscrizione.

Inserisci nel tuo sito web e in tutte le pagine correlate un apposito form che permetta ai visitatori di abbonarsi alla newsletter.
Più il form sarà in vista, maggiori abbonamenti avrai. Rifletti anche bene sulle informazioni che desideri raccogliere dagli utenti, poiché possono essere molto utili per un invio mirato di comunicazioni.

Per esempio se chiederai l’età, il sesso e l’occupazione etc. dei futuri destinatari sarai in grado di mandare delle offerte specifiche per gruppi di utenti che condividono le stesse caratteristiche. Più le tue offerte centrano gli interessi dei destinatari più sarà probabile che leggano la tua comunicazione e decidano di acquistare.
Scopri anche come usare tag e segmenti, ti aiuteranno a profilare al meglio la tua lista.

 

Infomail Prova Subito

Abbiamo detto quanto sia importante il permission marketing e sappiamo che il form di sottoscrizione è uno degli strumenti più utili per acquisire nuovi contatti. Vediamo ora come usare quello di Infomail

Il flusso di compilazione del form e di registrazione di questi dati è stato sviluppato rispettando le norme sulla privacy e le indicazioni del GDPR.
La procedura prevede che gli iscritti al form di registrazione realizzato in piattaforma siano in modalità double opt-in: l’utente deve quindi sempre confermare attraverso un’azione esplicita la propria iscrizione al servizio, assicurando quindi che il reale interesse e l’esplicito consenso al trattamento dei propri dati per le finalità espresse da chi sta richiedendo la registrazione.

Form di contatto email marketing

La pagina è divisa in due:

  • nella parte destra è possibile definire le impostazioni del form
  • a sinistra viene mostrata l’anteprima del form che si sta realizzando e il codice HTML da incorporare sul proprio sito

Il form può essere personalizzato aggiungendo o rimuovendo campi, rendendoli obbligatori o facoltativi.
Puoi inoltre associare un tag a questo form di registrazione.
Ad esempio puoi inserire il tag “registrati da sito”. In questo modo nella tua lista potrai distinguere la provenienza dei tuoi contatti iscritti.
Puoi inoltre personalizzare il bottone del form della registrazione per creare un database di email.

Personalizzare form registrazione newsletter

Man mano che queste impostazioni sono scelte e definite, l’anteprima e il codice HTML si aggiornano in tempo reale, permettendo di verificare il risultato.
Il form include un foglio stile CSS neutro, per consentire una rapida personalizzazione del layout.

Terminate le scelte, è sufficiente selezionare l’intero codice, copiarlo e incollarlo sulla pagina web del proprio sito o blog.
Automaticamente, ogni utente registrato attraverso il form sul proprio sito, verrà inserito nella lista associata al form, previa conferma in double opt-in dell’indirizzo email utilizzato.

Una volta che hai effettuato le modifiche, puoi copiare il codice HTML e incollarlo sul tuo sito.

#5
Spiega i vantaggi dell’iscrizione alla newsletter.

Terminata la parte tecnica, dedicati alla comunicazione.
Spiega bene i vantaggi dell’iscrizione alla tua newsletter. Per esempio puoi offrire degli sconti speciali e offerte esclusive per gli abbonati. In questo modo spingi chi visita il tuo sito ad iscriversi e stimoli in loro un interesse duraturo a ricevere la tua newsletter.

#6
Passaparola e condivisione social

Le tue comunicazioni contengono sempre link che consentono ai destinatari della tua newsletter di inoltrarla in modo facile ad una persona che ritengono interessata.  La condivisione attraverso i social network, come Facebook, Twitter, Instagram e Linkedin ti consente di diffondere il tuo messaggio anche ad altri utenti, allargando la tua audience.
E i nuovi contatti, se interessati, potranno iscriversi alla lista dei tuoi contatti per ricevere in seguito comunicazioni dello stesso tipo.

#7
Usa bene Autoresponder e link

Quando qualcuno compila un modulo di richiesta informazioni sul tuo sito, mandagli un email di ringraziamento e informalo sulla possibilità di iscriversi alla tua newsletter con un link diretto. Inserisci inoltre in ogni tua email, nella firma, un invito ed un link alla tua newsletter.

#8
Contatti diretti 

Approfitta di ogni occasione per invitare i tuoi possibili clienti ad iscriversi alla tua newsletter. La partecipazione ad una fiera e un convegno o la visita dei prospect e clienti sono ottime occasioni per raccogliere gli indirizzi email dei tuoi contatti che già mostrano interesse per la tua offerta. Ricorda sempre di registrare il consenso esplicito, il tuo DPO ti può aiutare a capire come fare.

Creare un database di email è facile, se utilizzi gli strumenti corretti.