Newsletter per negozi - fai crescere la tua attività commerciale con l'email marketing

Newsletter per negozi: fai crescere la tua attività commerciale con l’email marketing

Trovare il modo migliore per sfruttare le enormi potenzialità dei canali digital per la promozione di attività commerciali o professionali locali, improntate sul business offline, è molto impegnativo.

La necessità di attirare clienti, per esempio in un negozio, prevede un ciclo di vendita più lungo ed elaborato rispetto ad un’attività online, allo stesso modo tracciare il ROI (ritorno sull’investimento) risulta decisamente complesso.

Sono numerosi i commercianti e i professionisti impegnati nel trovare il sistema più virtuoso per promuovere con successo il proprio business offline in uno scenario come quello attuale in cui gli acquisti online dominano sempre più il mercato.

Fortunatamente, superando lo smarrimento iniziale, non sarà difficile capire quale sia il giusto sistema per sfruttare le potenzialità della comunicazione online a favore di attività offline. Possiamo agevolmente riassumere questa premessa attraverso due punti focali:

1. L’email marketing può risultare davvero miracoloso in queste circostanze.

2. Il punto di partenza è annullare le aspettative di vendita attraverso la comunicazione online, bensì utilizzarla come mezzo per attirare la gente nel proprio negozio, dove potranno vivere la migliore esperienza d’acquisto.

In questo articolo vedremo nel dettaglio come l’email marketing sia in grado di far crescere un business offline.

 

Newsletter per negozi e attività commerciali: perché investire nell’email marketing?

Erroneamente, molti proprietari di negozi ritengono che il canale delle newsletter riguardi unicamente grandi brand e aziende di un certo rilievo. Si tratta di un malinteso davvero controproducente per tutte le attività che si privano di uno strumento semplice, economico e realmente efficace.

Come abbiamo accennato sopra, infatti, anche i piccoli negozi offline possono beneficiare di grandi risultati, mettendo in atto una solida strategia di email marketing, per veicolare il proprio business. Ecco un’analisi approfondita di come anche piccoli negozi e le attività territoriali possano beneficiare delle potenzialità della newsletter.

◼️ L’email marketing ha il ROI più alto

Secondo Search Engine Journal, l’email marketing ha un ROI del 4,300%. Il ROI è ovviamente l’obiettivo finale di qualsiasi strategia di marketing, e l’email marketing contribuisce ampiamente a raggiungerlo, nel modo più virtuoso e proficuo.

◼️ L’email consente di rimanere in contatto con i clienti già acquisiti

L’email permette di promuovere nuove offerte e incoraggiare i clienti già acquisiti a effettuare acquisti ripetuti. È noto a tutti gli addetti ai lavori nel mondo del marketing digitale, che acquisire un nuovo cliente costi cinque volte di più rispetto al mantenimento di uno già esistente. Inoltre, i clienti fidelizzati spendono il 67% in più rispetto a quelli nuovi. Una valida strategia di email marketing è in grado di mantenere un marchio e la relativa attività nella mente dei propri contatti, raggiungendoli dove si trovano e consolidando con loro un rapporto duraturo.

◼️ L’email marketing consente di avere totale potere sulla strategia

I social media e gli algoritmi sui quali si basano, sono in continua evoluzione, limitando l’efficacia di qualsiasi sforzo che si metta in pratica. L’email marketing, al contrario, consente di fare valutazioni unicamente basate sul raggiungimento dei propri obiettivi ed instaurare con la propria platea una conversazione uno-a-uno.

 

 

Newsletter per negozi e studi professionali

Newsletter per negozi: primi passi per mettere in azione l’email marketing

Dopo aver analizzato i benefici di una strategia di email marketing per la propria attività locale, vediamo insieme quali sono i primi passi per metterla in atto.

1. Creare una mailing list

La chiave per una mailing list di qualità è rendere il processo di iscrizione alla newsletter il più semplice possibile. Progettare il sito web in modo che il modulo di iscrizione alla newsletter sia facilmente visibile ai visitatori è la prima indicazione fondamentale. È inoltre buona norma avere moduli stampati per raccogliere gli indirizzi email di persona, direttamente in negozio o nella sede della vostra attività.

A fronte dell’iscrizione alla newsletter si possono offrire degli incentivi come degli sconti nominali al completamento di un acquisto, o nel momento del rilascio dei dati. Non bisogna avere remore sull’elargire sconti, in quanto gli acquisti ripetuti andranno ad aumentare il ROI per l’attività, rendendo lo sconto uno strumento assolutamente redditizio per il nostro business.

Un altro sistema, sempre molto apprezzato, è dare ai clienti che si iscrivono alla nostra newsletter un accesso privilegiato alle notizie riguardanti eventuali sconti speciali, ad esempio i pre-saldi. Questo escamotage sviluppa un prezioso senso di esclusività tra gli abbonati, contribuendo ad attirare nuove iscrizioni.

2. Segmentare i clienti

Utenti, prodotti e problemi sono le tre categorie primarie su cui è necessario concentrarsi quando analizziamo la nostra platea di riferimento. Nel dettaglio:

◼️ Persone: i particolari demografici come età, sesso, stato civile, titolo professionale, interessi, hobby, per esempio.

◼️ Prodotti o  servizi offerti al nostro target.

◼️ Problemi: è utile prendere in considerazione il motivo per cui le persone si rivolgono a noi e i problemi che i nostri prodotti o servizi risolvono. Questi fattori influenzano molto la segmentazione, naturalmente.

L’obiettivo di una categorizzazione puntuale degli iscritti alla nostra mailing list è quello di sviluppare email più possibili pertinenti, in base alla categoria in cui un utente rientra e fornire più valore ai suoi occhi, generando così più conversioni.


Potrebbe interessarti: Come segmentare la mailing list con TAG e Segmenti: facile!


3. Decidere quale tipo di email sfruttare

L’email marketing riguarda numerose tipologie di newsletter e messaggi di posta elettronica. Vediamo insieme i principali:

◼️ Email di benvenuto

Inviare email di benvenuto a nuovi abbonati o clienti per aiutarli a conoscere meglio la nostra attività è un’opportunità preziosa. Includere dati e informazioni sul nostro business, casi di successo, testimonianze e promuovere l’instaurazione di un dialogo sono escamotage davvero fruttuosi.

◼️ Referral Marketing

La gran parte degli utenti cerca consigli e suggerimenti da parte di amici e familiari prima di effettuare un acquisto. Proporre ai propri abbonati di invitare i loro amici e parenti a comprare da noi è un escamotage molto consigliato. Un programma a premi è inoltre una buona idea per sfruttare l’email marketing e dare maggiore spinta al nostro business, partendo dalla nostra base di clienti già fidelizzati.

◼️ Email di follow up

Segmentare la lista in acquirenti frequenti e acquirenti una tantum è un’operazione consigliata. È possibile ordinarli ulteriormente in base alla loro ultima visita al negozio e inviare email di re-engagement, offendo per esempio un coupon interessante per assicurarci che visitino nuovamente il negozio.

◼️ Cross-Selling o Upsell

Per vendere di più presso la base clienti già esistente, è consigliabile inviare promozioni mirate attraverso un’email successiva ad un acquisto effettuato in negozio. È essenziale che esse siano pertinenti alle esigenze e alle preferenze dei nostri clienti.

◼️ Occasional marketing

Compleanni, anniversari e vacanze sono le migliori occasioni per comunicare con gli iscritti alla mailing list. Offrire coupon come regali che possono essere riscattati presso il negozio, insieme ad auguri personalizzati è un escamotage fruttuoso.

◼️ Promemoria di rifornimento

Inviare email di promemoria per far sapere ai propri clienti quando un prodotto è in scadenza per la manutenzione o il rinnovo, per esempio, è decisamente utile al fine di mantenere attivo il contatto e procedere alla riconferma dell’acquisto.

 

 

 

In conclusione, l’email marketing è il canale ideale per incrementare il business di negozi o attività professionali offline. Una strategia accurata e mirata può infatti assicurare un incremento dei ricavi a fronte di una relazione più efficace consolidata con i propri clienti.