Coltivare relazioni con l’email marketing – Il marketing relazionale

email-marketing-relazionale-infomail

Ogni individuo riceve nella propria casella di posta elettronica una media di 15 email promozionali al giorno. Questa consapevolezza non può che far sorgere una domanda cruciale: quante probabilità ci sono che la tua campagna venga cliccata e il suo contenuto venga letto da ogni iscritto alla mailing list?

Poche, obiettivamente. A meno che questa campagna non si fondi su una strategia attentamente studiata e capace di trasmettere in maniera immediata un grande valore agli occhi dei destinatari.

Quel che è certo è che instaurare una relazione positiva con il tuo target farà sì che le tue comunicazioni siano attese e sempre gradite. Ma come è possibile farlo?

Seguici in questo articolo e scoprirai come costruire il marketing relazionale duraturo con i tuoi clienti, attraverso la tua strategia di email marketing!

Cos’è il marketing relazionale?

Il marketing delle relazioni presenta un approccio focalizzato sulla soddisfazione del cliente e sulla creazione di relazioni 1 a 1 tra il cliente stesso e l’azienda.
La differenza con una strategia tradizionale, mirata prevalentemente al prodotto e alla sua commercializzazione, è decisamente evidente.

Come immaginerai, la fiducia è il punto cruciale attorno al quale ruotano tutte le iniziative che devono essere messe in atto, nell’ottica di instaurare relazioni virtuose con il tuo target.

Per questo, è essenziale tenere a mente che la costruzione di una relazione di questo tipo attraversa un percorso composto da tre step al termine dei quali – con grande probabilità – il tuo prospect sarà diventato un fedele cliente:

  • La conoscenza del brand.
    La tua platea di riferimento si avvicina per la prima volta al tuo marchio e impara a conoscerlo.
  • L’apprezzamento.
    In un secondo momento, se percepisce il valore che sta cercando, inizierà ad apprezzarlo e a valutarlo più attentamente, probabilmente cercando un contatto più diretto.
  • La fiducia.
    È il momento cruciale, quello in cui i tuoi clienti decidono di riporre la loro fiducia nel tuo marchio e iniziano una relazione che, se ben curata, risulterà decisamente proficua per il tuo business.

 

Perché sviluppare una strategia basata sulle relazioni

Affinché tu possa mettere in atto tutto ciò che serve per instaurare una relazione di fiducia con la tua platea di riferimento, è essenziale entrare nella mentalità corretta e – soprattutto – cogliere appieno cosa può fare concretamente il marketing delle relazioni per il tuo business.

Vediamolo insieme!

dem marketing

  • Portare più clienti.

Può accadere che i tuoi potenziali clienti diventino tali oppure che rimangano solo degli ottimi testimonial del tuo marchio, quel che è certo è che instaurare una relazione basata sulla fiducia non può che avvantaggiare la tua azienda, in un modo o nell’altro.

  • Migliorare la fidelizzazione.

Vien da sé, quando converti un prospect in un cliente, continuare ad applicare il marketing delle relazioni consente di mantenere saldo e positivo il rapporto di fiducia che si è instaurato.

Se pensi che una volta acquisito un cliente il gioco sia fatto, stai commettendo un errore: è molto meno dispendioso prendersi cura di chi ha già acquistato e portarlo a ripetere l’acquisto, che investire su un prospect a freddo. I clienti già coinvolti acquistano molto più frequentemente e sono disposti a spendere più dei prospect per ogni singola transazione.

  • Fare crescere la tua comunità.

Una volta instaurati dei rapporti di fiducia, potrai chiedere ai tuoi iscritti un po’ di collaborazione per far crescere ulteriormente la tua comunità, per esempio proponendo di condividere i tuoi contenuti, oppure di suggerire nuovi potenziali clienti interessanti: un circolo virtuoso davvero interessante per la crescita del tuo brand!

 

Come sviluppare una strategia di marketing relazionale attraverso l’email marketing

Diciamocelo, dal marketing delle relazioni c’è solo da guadagnare, quindi, non c’è tempo da perdere: individuati i vantaggi, è il momento di concentrarsi su come creare delle relazioni basate sulla fiducia.

Nelle prossime righe, scoprirai tutte le strategie da implementare sfruttando la tua attività di email marketing.

Eccole qui!

  1. Segmentare la lista di iscritti

Approfondire la conoscenza dei tuoi contatti con un’attenta segmentazione, al fine di inoltrare comunicazioni personalizzate e pertinenti, è una scelta consigliatissima. Questo passaggio è davvero essenziale se pensi che è in grado di portare ad un aumento dei click notevoli.

La segmentazione può iniziare sin dal momento dell’iscrizione, chiedendo ai neo-abbonati quali siano i loro interessi e quali siano le preferenze sulla ricezione delle email. Questo ti permetterà di iniziare a creare automaticamente dei gruppi segmentati.

  1. Personalizzare le comunicazioni

Personalizzare le e-mail è un escamotage utilissimo che prosegue in questa direzione: includere il nome del destinatario da un lato e personalizzare il testo firmandolo a nome di un membro del tuo team darà alle tue comunicazioni un approccio più caldo e coinvolgente.

  1. Essere chiari fin dalla prima newsletter

Essere chiari e onesti fin dall’email di benvenuto è essenziale: se la tua intenzione è costruire un rapporto di fiducia, dichiaralo e invita i tuoi abbonati a relazionarsi con te attraverso domande e interazioni.

È molto più probabile, infatti, che i tuoi messaggi vengano aperti e considerati se viene percepita affidabilità.

  1. Sfruttare i social network

Dopo il benvenuto e i dovuti ringraziamenti per essere entrati a far parte della tua mailing list, entrerai nel vivo della costruzione delle relazioni di marketing. Per far questo in maniera ottimale è utile avviare interazioni sinergiche su più canali, sfruttando soprattutto le potenzialità e l’immediatezza dei social network.

Il dialogo su queste piattaforme è veloce e si presta perfettamente a proporre e a rispondere a domande di approfondimento riguardanti il tuo brand.

  1. Mostrare il lato umano del tuo marchio.

Si tratta di un passaggio essenziale per creare una relazione più forte con i tuoi iscritti. Spesso, l’utilizzo di video personali è un ottimo modo per raggiungere questo obiettivo. Quindi, perché non utilizzare questo approccio nelle tue newsletter?

Condividere video sarà utilissimo per suscitare empatia e rafforzare la relazione. Se la tua azienda si avvale di un team puoi coinvolgerlo e dare la possibilità alla tua lista di iscritti alla mailing list di entrare nel vivo delle dinamiche che costituiscono il tuo brand.

  1.  Raccogliere e categorizzare i feedback dei clienti attraverso l’email marketing

È una pratica che ti consigliamo vivamente perché riesce a far emerge il punto di vista dei tuoi clienti e a fornire ottimi spunti di miglioramento. Ecco come puoi procedere:

  • Chiedi il feedback degli utenti per rilevare cosa desiderano trovare nelle email che invii. Può essere la risoluzione di un problema? O un determinato argomento poco chiaro?
    Le informazioni che raccoglierai ti aiuteranno ad ottimizzare i contenuti e ad incontrare meglio le esigenze del tuo target.
  • Categorizza il feedback raccolto, specialmente se si tratta di osservazioni ricorrenti e inoltrati da diversi utenti.
  • Metti in pratica le modifiche suggerite e implementa le ottimizzazioni.
  • Procedi con il follow-up verso i destinatari che hanno condiviso con te commenti e suggerimenti, per verificare l’efficacia delle tue azioni.

 

Copywriting e tone of voice: due elementi essenziali per il marketing relazionale

Fino ad ora abbiamo visto insieme in cosa consiste il marketing di relazione, quali vantaggi porta e come implementarlo dal punto di vista strategico. Tuttavia, non si può trascurare un altro aspetto essenziale legato al contenuto, ovvero l’esposizione dei tuoi argomenti.

Nelle prossime righe ti daremo consigli utili per sviluppare testi efficaci, capaci di incoraggiare il coinvolgimento dei lettori. Vediamoli insieme!

  • Utilizza un tono caldo e accogliente.
    Il tone of voice che utilizzerai deve essere attentamente individuato affinché sia coerente con la tua identità aziendale, con gli obiettivi che ti sei posto e con il tipo di relazione che desideri instaurare. Possiamo dire che essere accoglienti e utilizzare un approccio caldo e coinvolgente saprà darti ottimi risultati, così come far trasparire la tua umanità attraverso la condivisione di punti di vista o difficoltà riscontrate nel tuo lavoro, per esempio, o ancora attraverso domande rivolte agli utenti, per avere pareri sui temi che ti stanno più a cuore.
  • Cura l’oggetto dell’email.

Le parole che compongono il titolo della tua newsletter dovranno essere ben curate, affinché riescano ad attirare l’attenzione del lettore e far percepire l’urgenza di compiere l’azione richiesta.

  • Chiarisci l’obiettivo della tua email sin dall’inizio della comunicazione.

Questo escamotage permetterà al lettore di focalizzare l’attenzione sugli elementi essenziali e lo faciliterà nel compiere l’azione desiderata. Coerentemente con questo punto, dovrai utilizzare una call to action chiara e facilmente individuabile.

In questo articolo, abbiamo visto l’importanza di attuare un marketing improntato e finalizzato alle relazioni.

L’email marketing è il mezzo migliore per perseguire questo obiettivo, in quanto riescono a colpire nel segno, coinvolgendo il lettore grazie ad un’attenta personalizzazione e alla possibilità di entrare maggiormente in empatia.

E, ricorda, più mostrerai la personalità e il lato umano della tua azienda e meglio riuscirai nei tuoi intenti!

Ti è piaciuto questo articolo?

Resta aggiornato, iscriviti alla newsletter settimanale!


Immagine presa da Fumetto vettore creata da vectorjuice – it.freepik.com