Per vendere con l'email marketing l'email deve essere fatta bene!

Per vendere con l’email marketing l’email deve essere fatta bene!

L’email marketing è uno strumento importante per lavorare a stretto contatto con i propri clienti, utile a vendere i propri prodotti e servizi e a rafforzare la loro fedeltà.

Negli ultimi anni si è attestata come pratica sempre più in uso. Nonostante le nuove funzionalità che molte aziende utilizzano, un’email ben scritta funziona meglio di un’email con un design complesso.

Indipendentemente da come appaiono graficamente al destinatario, le email di marketing, se non hanno un testo ben strutturato, non vengono prese in considerazione e sono immediatamente cestinate. Un testo ben scritto riesce a suscitare interesse e invoglia chi lo riceve a leggere e interagire con i link in esso presente.

Certo è un compito apparentemente arduo, soprattutto in un periodo in cui lo spam è diventato dilagante e le email di marketing necessitano di una strategia vincente per spingere le persone ad aprirle, leggerne il contenuto e interagire.

Come si crea un’email di marketing di successo?

In quest’articolo si definisce in modo chiaro ed esaustivo 8 semplici regole che bisogna conoscere per aumentare il tasso di conversione del vostro email marketing. Senza perdere ulteriore tempo, analizziamo i migliori suggerimenti già testati con ottimi risultati.

1. Essere coincisi

La brevità è l’anima di un discorso ricco d’ingegno!

Uno dei peggiori difetti delle email di marketing è quello di dare troppe informazioni o ancora di più di voler inserire una descrizione dettagliata in un messaggio.

In questo caso bisogna pensare alle email di marketing che si ricevono tutti i giorni. Nessuno legge davvero ogni singola parola. Probabilmente si scorre in fretta l’email perché incuriositi dall’oggetto e si cerca di focalizzare l’attenzione sui punti più importanti individuando subito le parole chiave e quindi decidendo se vale la pena approfondire il contenuto.

Scrivere email molto lunghe complica questo compito ai vostri destinatari. Inviare un’email con un testo lunghissimo potrebbe addirittura comportare l’abbandono della lettura. Trovate un modo brillante per riassumere ciò che i lettori avranno, poi, la possibilità di approfondire in modo dettagliato sul vostro sito web dopo aver cliccato il link o la Call to Action.

 

2. La chiarezza e la semplicità sono più importanti dell’approfondimento e dell’intrattenimento

A partire dall’oggetto, scrivete una riga che sia in primo luogo chiara e semplice, poi, nel corpo dell’email provate ad intrattenere i vostri lettori.

Nei testi di marketing, uno stile semplice si contrappone ad un tono saccente. Per provare ai clienti la vostra competenza, non dovrete esporre tutto il vostro sapere rischiando di annoiarli e di farli sentire incompetenti.

Piuttosto dopo aver formulato un argomento semplice e chiaro potrete provare ad aggiungere una battuta, un gioco di parole o un’altra frase che mantenga viva l’attenzione del lettore e lo trasporti una dimensione appagante. Fate ciò senza mai esagerare perché l’eccessivo intrattenimento e approfondimento di temi tecnici vanificherebbe ogni vostro sforzo e annullerebbe la semplicità del messaggio.

 

3. Formato corretto

In linea con quanto appena detto finora su descrizioni non troppo approfondite e discorsi brevi, è necessario trasportare tali consigli anche sul formato dell’email.

Anche un’email di marketing ben scritta e relativamente breve può richiedere uno sforzo di lettura eccessivo da parte del lettore se non si utilizza il formato di posta elettronica giusto durante la scrittura. Piccoli accorgimenti creano la condizione ideale per leggere un testo fino in fondo.

Gli spazi vuoti tra frasi aiutano il lettore a soffermarsi e a continuare a leggere con più interesse, questo è il motivo per cui la maggior parte di software di scrittura presenti negli editor online prevedono una notevole spaziatura automatica tra i paragrafi. La leggibilità è un fattore vincente per ottenere tassi di conversione superiori.

Il consiglio è quello di scrivere frasi semplici e dividerle da quelle successive per contenuto con la giusta spaziatura tra i paragrafi, in modo da dare segnali chiari al lettore quando state comunicando qualcosa di nuovo ed evitare l’insorgere di pericolosi mal di testa.

Email marketing: prova Infomail

4. Formattazione accattivante del testo

In linea con quanto appena detto, approfondiamo gli aspetti della formattazione che rientrano tra i consigli per una forma accattivante dell’email marketing.

Qualsiasi contenuto che non sia supportato da una forma perfetta perde di efficacia. La forma è il biglietto da visita con sui vi presentate al lettore, rappresenta la prima impressione e fa sentire il lettore pronto per proseguire nella lettura.

Con il precedente paragrafo sul formato corretto abbiamo affrontato il tema di un testo ben esposto, ma non per questo creativo e accattivante. La formattazione creativa spinge la mente del lettore ad acquisire subito le informazioni di suo interesse. Con i seguenti consigli invoglierete il lettore a non abbandonare il testo e a trascorrere del tempo in compagnia dei vostri suggerimenti.

Un primo esempio per ottenere una formattazione accattivante è creare degli elenchi riassuntivi brevi ed efficaci disposti verticalmente con l’aggiunta di simpatici punti elenco. Queste accortezze non sono necessarie per avere una forma pulita, ma sono utili a presentare informazioni in modo accattivante.

Un secondo esempio è l’uso delle intestazioni. Di per sé l’intestazione non aggiunge materia al contenuto, ma dà stile ed eleganza. Inoltre, crea un feeling con gli utenti con il quale penseranno di interagire realmente con un professionista e non con un bot.

5. Inviare un’email nei tempi giusti

Anche l’orario in cui si invia una mail ha una sua rilevanza per il raggiungimento degli obiettivi. Pertanto questo aspetto va tenuto nella giusta considerazione almeno quanto il contenuto stesso dell’email.

Dopo i consigli appena appresi si potrebbe già inviare un’email perfettamente strutturata, ma non avrà molto effetto se viene spedita alla casella di posta in piena notte.

Lo stesso vale anche in altri momenti delicati della giornata. Se ad esempio si invia il messaggio di posta in seconda serata quando le persone hanno un livello di concentrazione molto basso e sono molto probabilmente assonnate. In questo caso il messaggio forse potrebbe essere aperto, ma immediatamente cestinato perché si sarebbe poco reattivi e non in grado di interagire con i link in essa contenuti.

Le email che arrivano di sera potrebbero, inoltre, anche perdersi tra le infinite altre email ricevute nella notte. Non rischiate di fare tanto lavoro per nulla. Fate dei test di invio in orari differenti e osservate le statistiche di apertura mostrate nell’apposita pagina della piattaforma di email marketing che utilizzate: in questo modo sarete in grado di definire l’orario e il giorno ideali per i vostri invii.

6. Personalizzazione dell’email

I nomi sono importanti quando si parla di email marketing.

Il primo che non dovrebbe mai mancare nella vostra email è quello del potenziale cliente. Se possibile va inserito già nell’oggetto o all’interno dell’email al primo posto, nell’intestazione. In questo modo il cliente si sente chiamato in causa e pronto a rispondere.

Il secondo nome da inserire è il vostro. Gli iscritti alla vostra mailing list aspettano di interagire con una persona reale e non con un bot programmato per inviare email a una lista predefinita.

Infine non fate mai mancare il nome della vostra azienda ai possibili clienti. Quelli che vorranno approfondire i vostri contenuti potranno trovare facilmente il sito Web ed eventuali recensioni su internet.

7. Parlate di soluzioni, non di vantaggi e funzionalità

Non propendete per approcci paternalistici di cui erano piene le pubblicità di un tempo. Siate concreti, efficaci e diretti. Spiegate chiaramente i problemi che potranno risolvere con il vostro bene o servizio in modo che il cliente continui a leggere fino in fondo e soprattutto ponetevi dal loro punto di vista.

Vuoi mettere in pratica queste indicazioni?

Registrati subito a Infomail, per te 500 invii omaggio e il nostro supporto telefonico dedicato.

8. Focalizzare l’attenzione su un servizio

Le email devono essere inviate con un obiettivo concreto e non devono essere inviate troppo di frequente.

In questo modo il cliente sarà invogliato ad acquistare il bene o servizio di cui ha bisogno. A tal fine il consiglio è di segmentare nel modo corretto la vostra mailing list in modo da inviare a ciascun iscritto la sua email senza correre il rischio di inondarlo di comunicazioni non utili. L’effetto che otterrete sarà gradito e incoraggiante.

Ti è piaciuto questo articolo?

Resta aggiornato, iscriviti alla newsletter settimanale!